Micron Foundation logo blue

Al via l’iniziativa Orto dei Bimbi

E-mail Stampa PDF

 orto1 Dopo un inverno lungo e particolarmente freddo la primavera sembra aver fatto finalmente capolino: al via quindi un’iniziativa particolarmente cara a Mettiamoci in Gioco: L’Orto dei Bimbi. “Dopo tanti progetti dedicati ai ragazzi più grandi – spiega Tino Di Mauro – abbiamo pensato a un’attività per i bambini che potesse stimolare la loro curiosità ed il loro entusiasmo. E cosa c’è di meglio del contatto diretto con la natura che si risveglia e che è pronta a ricominciare il suo meraviglioso ciclo vitale?
Nel giardino della sede di Mettiamoci in Gioco, “La Casa degli Originali Talenti”, è stato riservato un apposito spazio dove sarà realizzato un piccolo orto la cui cura è affidata a un gruppo di bambini, tra i cinque e i dieci anni, sotto la guida attenta e competente di Mirella Turco, nostra volontaria e grande appassionata di agricoltura biologica. “I bambini – spiega Mirella Turco - saranno coinvolti in un’esperienza multisensoriale straordinaria fatta di odori, colori e sapori grazie al contatto diretto con la terra. Potranno assistere – aggiunge Mirella - al miracolo della crescita delle piante, partecipando attivamente alla varie fasi della coltivazione dell’orto, dalla preparazione del terreno, alla semina, al raccolto”.  orto4
 orto3 Dopo alcuni incontri preparatori - nel corso dei quali ai bambini e ai loro genitori è stato illustrato il contenuto e le finalità dell’iniziativa e proiettato un docu-film, sulla realizzazione di un orto biologico - lo scorso sabato mattina i bimbi hanno finalmente invaso gioiosamente il giardino della Casa. L’allegra banda dei coltivatori in erba, capeggiati dall’insegnante Mirella Turco e dalla tutor Luciana Colantoni di Mani Tese Sicilia, si è riversata nell’area destinata al piccolo orto e ha iniziato questa meravigliosa avventura.

Complice una bellissima giornata di sole, i bimbi hanno svolto gioiosamente i compiti loro assegnati. Quasi una gara la ripulitura del terreno da oggetti estranei, la mattinata si è poi conclusa con la messa a dimora di alcune piantine di fragole ed erba cipollina, con grande soddisfazione di tutti i presenti. Ovviamente seguiranno altri incontri.

Raffaella, Ettore, Graziana, Clara, Elena, Marco, Giulia, Michela, Martina, Arianna, AKach, Damiano, Jacopo, Fabrizio, Marco, Antonio, Sonia, Elia, Alice e Clara. Questi sono i nomi dei piccoli - ci scusiamo anticipatamente se manca qualcuno e nel caso provvederemo a inserirlo – ai quali Mettiamoci in Gioco ha voluto regalare l’opportunità di condividere un’esperienza all’insegna della dell’amore e del rispetto per la natura.

 orto6

 orto5

 “Siamo felici – ha detto Tino Di Mauro – nel vedere con quanta gioia ed entusiasmo i piccoli partecipano a quest’attività. Il nostro ringraziamento va anche alle mamme e papà che hanno mostrato grande sensibilità scegliendo di coinvolgerli in questa sorta di viaggio alla riscoperta della bellezza della natura”. Il nostro auspicio, è quello di continuare a lavorare insieme a questi genitori su altre idee e progetti che consentano a questi straordinari bimbi di esprimere al meglio il proprio sé”.

 

Patrizia Rubino

 

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Aprile 2015 22:07

L’Europa dei ragazzi. Entusiasmante confronto di culture nella "Casa"

E-mail Stampa PDF
Foto gruppo 1 - Copia

Gioia ed entusiasmo nella “Casa degli Originali Talenti” che nell’ambito delle attività integrative al progetto “Frammenti di Culture” ha ospitato per due pomeriggi i giovanissimi partecipanti al programma Erasmus Plus 2014-16. Oltre sessanta tra alunni e insegnanti delle scuole medie provenienti da Turchia, Spagna, Bulgaria, Grecia, Polonia, Romania e Croazia e per l’Italia una rappresentativa dell’istituto comprensivo “P.A. Coppola” di Catania. “Uno degli obiettivi principali di Erasmus Plus – ha spiegato Tiziana Baratta, insegnante della scuola P.A. Coppola – è incentrato sulla promozione, nelle giovani generazioni, della conoscenza di culture diverse dalla propria, attraverso esperienze di scambio, socializzazione e condivisione di attività, che possano portare alla riflessione sulla comunanza dei valori universali. Da qui lo sviluppo delle tre tematiche principali - ha aggiunto la prof. Baratta - riguardanti la promozione della sensibilità verso le persone anziani, i disabili e gli animali abbandonati”.
I ragazzi di Mettiamoci in Gioco hanno accolto con grande calore i giovanissimi ospiti, e hanno offerto loro un frammento della suggestiva rappresentazione di danza e movimento “Noi” e una breve esibizione di flamenco con i loro coloratissimi costumi di scena, suscitando entusiasmo e commozione in tutti i presenti.
Tutti insieme hanno quindi preso parte ad alcune attività di laboratorio, cui sono soliti dedicarsi i ragazzi nella Casa; un’occasione di scambio e di condivisione della creatività di ciascuno, attraverso la quale sono state superate agevolmente le barriere della diversità della lingua.
Per tutto il tempo, inoltre, è stato un susseguirsi di rappresentazioni di balli della tradizione ora turca, ora polacca e greca e molti hanno voluto cimentarsi nei diversi passi di danza, mano a mano presentati.
Particolarmente apprezzata la performance offerta dal gruppo “Pachamama – Madre Terra”; che ha raccontato le origini della Capoeira, la travolgente danza afro-brasiliana, attraverso un crescendo di ritmi e suoni travolgenti tipico della musiche etniche, utilizzando degli straordinari strumenti a percussioni artigianali. Sul finale anche gli spettatori entusiasti sono stati coinvolti in un irresistibile ballo di gruppo. “Questo incontro – ha detto Daniela Di Stefano, presidente di Mettiamoci in Gioco – rappresenta l’essenza del nostro progetto Frammenti di Culture, pensato proprio per offrire un’occasione di scambio e di condivisione attraverso la conoscenza dell’altro, che sia straniero, disabile o in una particolare fase della propria esistenza. Ciascuno può imparare e offrire qualcosa di sé al di là di qualsiasi barriera”.
Non meno entusiasta la partecipazione di tutti gli ospiti che hanno detto di aver apprezzato moltissimo il tempo trascorso all’interno della Casa con i ragazzi di Mettiamoci in Gioco. “Siamo rimasti senza parole – ha commentato Elif Aslan, insegnante turca, coordinatrice del progetto Erasmus Plus, questi ragazzi ci hanno dimostrato che le difficoltà si possono superare, grazie alla volontà e alla passione. Una lezione di vita a tutti noi che conserveremo sempre nel nostro cuore”.
Una due giorni all’insegna dell’integrazione e della condivisione, tra musica, danza e creatività, grazie alle quali si è parlato un linguaggio unico e universale. Un messaggio di pace e speranza suggellato con il dono di un albero di ulivo, da parte degli ospiti, alla “Casa degli Originali Talenti”.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Aprile 2015 12:56

Attività Integrativa al progetto Frammenti di Culture

E-mail Stampa PDF

Bandiera-Europa La Casa degli Originali Talenti lunedì 23 e martedì 24 marzo a partire dalle ore 17,00, ospiterà degli studenti provenienti dalla Bulgaria, Spagna, Croazia, Grecia, Turchia, Romania, ospiti in Italia tramite il Comprensorio scolastico Coppola di Catania per il progetto Erasmus Plus 2014-2016. Ad accoglierli ci saranno i giovani di Mettiamoci in Gioco e gli utenti partecipanti al progetto Frammenti di Culure che mostreranno loro un saggio delle loro abituali attività. É prevista, inoltre, una breve esibizione con attori volontari esterni e la messa a dimora di un ulivo, a suggellare una giornata all’insegna dell’integrazione e della pace

Ultimo aggiornamento Sabato 26 Settembre 2015 21:43

Frammenti di Culture - descrizione

E-mail Stampa PDF

10 dicembre 2014 - INIZIO LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA - DOCENTE: PROF.SSA VENERIDA MOSCHETTO

Logo frammenti 

Progetto sperimentale di volontariato  L. 266/91- Direttiva 2012 Finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali III Divisione

Il progetto prevede per i partecipanti un percorso formativo-esperenziale articolato in attività interculturali e di educazione,  per favorire un cambiamento culturale sociale e creare un ponte relazionale che faciliti un dialogo tra culture e problemi differenti. Sono previsti quattro tipi di laboratori:

 scrittura creativa - i musica etnica con percussioni  -  espressione corporea - scenografia 

I laboratori saranno funzionali alla realizzazione di uno spettacolo musicale integrato. 
Iscrizioni entro il 15 Settembre 2014 presso Le sedi di via Bellini 54,  e piazza Falcone 1 di Sant'Agata Li Battiati e presso lo sportello ascolto dedicato e nella sede del partner Accoglienza e Solidarietà in via Finocchiaro Aprile 111, Catania. 
INFORMAZIONI: 3475726374 - e_mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  
(le iscrizioni si chiuderanno anticipatamente al raggiungimento di 50 utenti)

MODULO ISCRIZIONE



Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Marzo 2015 22:56

Murales - Casa degli Originali Talenti

E-mail Stampa PDF
murales

     

Da un progetto di

"Terra Amica" 

realizzazione di murales

 presso

La Casa degli Originali Talenti

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Maggio 2014 15:29

La Casa degli Originali Talenti

E-mail Stampa PDF

anigif

La Casa degli Originali Talenti prende forma.. Un luogo di aggregazione indirizzato a fasce deboli. L'apertura è prevista entro l'anno. Abbiamo bisogno di Volontari per la sistemazione del terreno. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Ottobre 2013 17:30

Frammenti di Culture

E-mail Stampa PDF

E' stato approvato dal Ministero delle Politiche Sociali il progetto presentato da Mettiamoci in Gioco con il partner Accoglienza e Solidarietà.  Uno sportello di ascolto-orientamento e   laboratorio artistico integrato destinato a 50 utenti tra giovani messi alla prova, stranieri e giovani con disabilità. Il sostegno ammonta a € 33.142,74. Il progetto è stato elaborato da Patrizia Minona, Alessandra Politino e Benedetta Toscano.

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Agosto 2013 23:23

30 000 mila vite da salvare

E-mail Stampa PDF

home

Mettiamoci in Gioco aderisce

La Carta Europea della Sicurezza stradale lancia la nuova campagna “30.000 vite da salvare” che ha un messaggio chiave: “No more victims on the roads” "Non più vittime sulle strade".

La campagna, che utilizza una applicazione di Facebook (causes.com) come piattaforma, invita i cittadini a seguire la “causa” facendo clic su un pulsante. L’obiettivo è quello di raggiungere 30.000 partecipazioni per dimostrare che i cittadini credono che la sicurezza stradale dovrebbe essere una priorità per tutti.
Nel 2011, circa 30.000 persone hanno perso la vita sulle strade europee.
Per questo motivo, la Carta Europea della Sicurezza Stradale vuole fare un passo avanti e incoraggiare una partecipazione più attiva dei cittadini riguardo la sicurezza stradale.
 
La Carta vuole dimostrare che ci sono più di 30.000 persone che credono che si dovrebbe arrivare all’obiettivo “NON PIÚ VITTIME SULLE STRADE!!"
Ultimo aggiornamento Domenica 30 Settembre 2012 10:35

Altri articoli...

Pagina 6 di 7

You are here: